Il mistero si addensa attorno al ritrovamento di resti umani sulla spiaggia di Licinella di Capaccio–Paestum, avvenuto il 3 marzo scorso, riportando in primo piano il caso della scomparsa di Giuseppe Di Meglio, psicologo torrese del Greco, nel 2015. La scoperta di ossa di una gamba e di una scarpa ha spinto la famiglia di Di Meglio a richiedere un test del DNA per verificare se si tratti del loro congiunto, di cui non si hanno notizie da quasi nove anni.

Giuseppe Di Meglio è scomparso nel giugno 2015, con l’ultimo avvistamento registrato a Meta di Sorrento. Da allora, la sua famiglia ha continuato a cercarlo, senza successo. Il recente ritrovamento di ossa umane lungo la costa campana ha riacceso la speranza e l’ansia dei familiari, che non hanno mai smesso di sperare di ritrovare Giuseppe vivo.

Attualmente, le indagini sono in corso con i carabinieri della Compagnia di Agropoli al lavoro sotto la supervisione del capitano Giuseppe Colella. Il test del DNA sui resti sarà incrociato con i campioni genetici forniti dalla famiglia Di Meglio, anche se i risultati non saranno disponibili prima di alcuni mesi. Il ritrovamento di un altro piede sulla spiaggia di Santa Maria di Ricadi, in Calabria, poche ore dopo, ha sollevato ulteriori interrogativi, con le autorità che esaminano la possibilità che i resti appartengano alla stessa persona. I carabinieri di Spilinga stanno lavorando su questo secondo ritrovamento, su ordine della Procura di Vibo Valentia.

Le ipotesi sono numerose e l’incertezza domina. Si stanno investigando anche su denunce di scomparsa più recenti, cercando di stabilire una correlazione tra i resti trovati e le persone scomparse segnalate negli anni. Solo attraverso l’analisi del DNA e ulteriori indagini sarà possibile gettare luce su questo enigma.

Nel frattempo, la famiglia Di Meglio rimane in attesa, sperando di trovare finalmente risposte dopo anni di incertezza. La comparazione dei risultati del test del DNA, prevista per le prossime settimane, potrebbe finalmente portare un po’ di chiarezza a questo intricato mistero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *