La stazione dell’Alta Velocità tra Padula e Buonabitacolo porterà il nome “Vallo di Diano” e si prevede che verrà attivata entro il 2031. Non è previsto lo smantellamento della vecchia linea ferroviaria Sicignano – Lagonegro, che è stata sospesa al traffico dal 1987 e potrebbe essere riutilizzata per scopi turistici. Queste informazioni emergono dalla relazione conclusiva del Dibattito Pubblico del sublotto 1B Romagnano – Praia della linea dell’Alta Velocità ferroviaria Salerno – Reggio Calabria.

Il coordinatore del dibattito pubblico, Roberto Zucchetti, ha sottolineato che il progetto è stato soggetto a una lunga fase di valutazioni e approfondimenti da parte di organismi competenti, in particolare per quanto riguarda il rischio sismico. Gli studi geologici e il progetto delle opere sono conformi alle normative e al modello di pericolosità sismica, senza lacune o difetti evidenti. Di conseguenza, non è ritenuto necessario riesaminare la valutazione sismologica e sismogenetica nella zona del Vallo di Diano.

Dal dibattito è emerso che la costruzione della nuova linea non interferisce con il tracciato storico della Sicignano – Lagonegro, consentendo eventualmente la sua riattivazione. I tecnici di RFI hanno spiegato che il tracciato storico non è più conforme alle normative di sicurezza e, nel caso di una riattivazione commerciale, sarebbe necessario un sostanziale rinnovamento dell’infrastruttura, con un significativo adeguamento dell’altimetria, soprattutto nel Vallo di Diano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *