“Ancora nessun intervento per il ripristino sulla storica linea ferroviaria Salerno-Napoli”.
Un’amara constatazione, quella di Aurelio Tommasetti, consigliere regionale della
Campania della Lega. Non emergono notizie rassicuranti dall’incontro tra il presidente
della commissione regionale Trasporti, Luca Cascone, i rappresentanti di Trenitalia, Rfi e il
comitato pendolari. Al centro del dibattito i lavori per rimuovere i massi crollati sulla
ferrovia a Vietri sul Mare lo scorso 20 gennaio.
“Il timore è che il ripristino della linea storica diventi una lunga agonia per i trasporti –
afferma Tommasetti – I viaggiatori sono giustamente preoccupati per la mancanza di
programmazione che in questo caso si ripercuote sulle abitudini ed esigenze di migliaia di
persone, compresi lavoratori e studenti tra Salerno, Cava de’ Tirreni e Agro Nocerino
Sarnese. Questi ultimi da due mesi devono affidarsi al servizio sostitutivo dei bus del tutto
insufficiente a sopperire alla mancanza di treni”.
Il consigliere regionale non manca di sottolineare le conseguenze di eventuali ricorsi: “Gli
interventi, apprendiamo dagli organi di stampa, sono paralizzati dalla necessità di
abbattere un immobile a ridosso dei binari su cui è avvenuta la frana. Il problema è che
l’ordinanza del Comune di Salerno potrebbe portare a un contenzioso legale con i
proprietari, e allora i tempi si allungherebbero ancora. Un incubo per i pendolari”.
Tommasetti conclude: “La questione della linea storica è solo una delle lacune del
trasporto su ferro in Campania, figlie di opere sbandierate da De Luca e mai decollate,
come l’elettrificazione della Salerno-Avellino-Benevento. Le belle parole non bastano ad
alleviare i disagi quotidiani degli studenti e dei lavoratori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *