Di Mario Bamonte

Scopo del diavolo è quella di incatenarci l’anima, togliendoci la libertà, è il monito di papa
Francesco nell’Angelus di domenica.
Diverse sono le catene che possono stringerci il cuore: le “dipendenze, che rendono schiavi, sempre
insoddisfatti, e divorano energie, beni e affetti; le mode dominanti, che spingono a perfezionismi
impossibili, al consumismo e all’edonismo, che mercificano le persone e ne guastano le relazioni
[…] le tentazioni e i condizionamenti che minano l’autostima, la serenità e la capacità di scegliere e
di amare la vita; […] la paura, che fa guardare al futuro con pessimismo, e l’insofferenza, […]
l’idolatria del potere, che genera conflitti e ricorre ad armi che uccidono o si serve dell’ingiustizia
economica e della manipolazione del pensiero”. Queste catene ci seducono, dandoci l’impressione
di essere liberi, mentre, in realtà, ci rendono schiavi, perché dominano le nostre scelte: non sono più
io che scelgo, ma le catene mi costringono.
A liberarci da tali costrizioni è venuto Gesù, il quale ci insegna a non dialogare con il diavolo
perché “se tu ti metti a dialogare con lui – ci ricorda il papa – vince lui, sempre”. Pertanto, dinanzi
alle catene che opprimono il nostro cuore, dobbiamo invocare Gesù il quale, come per
l’indemoniato di Cafarnao, ci libera dall’oppressione del Nemico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *