đź”´Anche quest’anno a Vallo si è celebrata la tradizionale festa del Crocifisso, nella chiesa omonima in piazza Santa Caterina. La sua costruzione iniziò nel 1626, con annesso un monastero di monache di clausura.

Verso la fine del XVII, il vescovo De Pace commissionò la statua lignea del Crocifisso, attribuita a Giacomo Colombo o alla sua scuola. Da allora, la venerazione del popolo vallese non è mai venuta meno e nella ricorrenza liturgica dell’Esaltazione della Santa Croce, che cade il 14 settembre, si manifesta nella devota partecipazione alle celebrazioni e nella preghiera davanti alla statua esposta sull’altare della chiesa.

 

Quest’anno poi la messa in piazza Santa Caterina è stata presieduta dal Mons. Vincenzo Calvosa, che dal 24 giugno scorso ha iniziato il suo ministero come Vescovo di Vallo della Lucania. Presenti alla celebrazione, oltre i fedeli, i membri di numerose confraternite della Diocesi, nel loro tradizionale raduno annuale a Vallo, con i loro abiti e i loro stendardi, i quali, prima della messa, guidati dal parroco di Vallo, don Aniello Adinolfi, hanno pregato la Via Crucis nelle vie del centro storico sotto la Cattedrale e nel rione Sasso.

Ad accoglierli i membri dell’ Arciconfraternita di San Pantaleone di Vallo, che ha la sua sede proprio nella Chiesa del Crocifisso, concessale in comodoto dall’Ente Mons. Alfredo Pinto, che ne è la proprietaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *