Sono stati trovati i resti dei due piloti del Canadair precipitato ieri a monte Calcinera durante un’operazione di spegnimento di un incendio nella zona.

La notizia è stata confermata dalla Procura di Catania e dai vigili del fuoco che sono ancora al lavoro sul posto.  Le vittime sono Pozzoli, 58 anni, di Erba, in provincia di Como, che era il comandante del Canadair 28, e il primo ufficiale Roberto Mazzone, 62 anni, di Salerno. Il velivolo era al suo terzo ‘passaggio’ sulla zona dell’incendio su monte Calcinera.

Sono due i fronti dell’inchiesta aperta dalla Procura di Catania sul Canadair precipitato ieri a monte Calcinera durante un’operazione di spegnimento di un incendio nella zona causando la morte dei due piloti che erano a bordo. Il primo troncone riguarda le cause del disastro aereo: verificare se sia stato dovuto a un errore di manovra o a problemi di volo o strutturali. Il secondo sulla causa dell’incendio per cui il Canadair 28 era stato chiamato ad intervenire: accertare se è stato appiccato e quindi sia stato doloso. I reati ipotizzati per il momento sono disastro aviatorio colposo e incendio. La Procura di Catania domani conferirà l’incarico per l’autopsia sui resti dei due piloti e successivamente quello tecnico per l’analisi della scatola nera, che è stata trovata, per gli altri accertamenti sulle cause dell’impatto. (ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *