🔴Gianpaolo Galietta ha scelto la sedazione, affetto da atrofia fece appello per l’eutanasia

Originario di Montano Antilia aveva lottato per l’eutanasia legale.

Gianpaolo Galietta 47enne di Montano Antilia non ce l’ha fatta più ad andare avanti. Troppo sofferenza. Affetto sin da piccolo da atrofia muscolare spinale, due mesi fa si era rivolto all’Associazione Luca Coscioni per capire meglio i suoi diritti sul fine vita e come fare concretamente per porre fine alle sue sofferenze ormai ritenute insopportabili. Avrebbe voluto praticare l’eutanasia ma ha dovuto fare i conti con la realtà italiana. Non è consentito il suicido assistito. “Vorrei la libertà di andarmene con dignità” aveva più volte ribadito Gianpalo anche nel video appello realizzato subito dopo aver contattato l’associazione. Si era affidato ad una metafora per far capire il paradosso di uno Stato “che ritiene la morte agonizzante di un accoltellamento (la sedazione profonda) non reato, mentre la morte rapida inflitta con arma da fuoco (il suicidio assistito), reato! Paradossi che superano le galassie!” Dopo aver fatto chiarezza sui suoi diritti, sulle leggi vigenti in Italia in tema di fine vita, Gianpaolo ha scelto di procedere con la sedazione profonda continua, avvenuta lo scorso 20 ottobre. Il suo cuore ha cessato di battere dopo tre giorni. Attraverso le informazioni avute dall’associazione ha ricevuto l’adeguata assistenza sanitaria. La sedazione profonda riduce la percezione del dolore, fino all’eventuale perdita di coscienza. Viene eseguita da un medico anestesista e non porta alla morte del paziente, a differenza del suicidio assistito. “La malattia Neurodegenerativa praticamente mi ha tolto tutto. Soprattutto la voglia di vivere! Sentimento quest’ultimo antico come la mia esistenza”. Gianpaolo in ogni suo messaggio aveva le idee ben chiare sulla sua volontà di volerla fare finita. “Oggi vivo un martirio – ripeteva – fatto di dolori e sintomatologie senza precedenti! Oggi vivo da tracheostomatizzato, non riesco più a parlare, a deglutire, sono pieno di dolori . Oggi l’unica speranza è la morte”. Poco prima di iniziare la sedazione profonda Gianpaolo ha inviato un’ultima messaggi all’associazione dicendosi finalmente sereno. “Affrontare la morte con un volto sorridente è segno di quella forza e pace interiore che può avere solo una persona libera” le parole di Marco Cappato, Tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni. “Non ci sono più scuse né alibi per la mancata assunzione di responsabilità. Le istituzioni devono garantire l’esercizio del diritto di libertà di scelta delle persone”. . Ne è convinta Filomena Gallo segretario dell’associazioneOltre 1 milione di firme sono state depositate per poter votare un referendum sull’eutanasia nella primavera del 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.