🔴Pedopornografia, condanna bis per il sindaco di Rofrano In Appello nuove prove che convincono i giudici

Materiale pedopornografico sul pc, la Corte di Appello di Salerno ha confermato la condanna di primo grado per il sindaco Nicola Cammarano.

Il tribunale di Vallo nel 2018 aveva emesso la sentenza condannandolo ad un anno di carcere, pena sospesa e ad un ammenda di duemila euro. I fatti risalgono al febbraio 2015 quando la guardia di finanza, dopo dei controlli nello studio da commercialista del sindaco, allargati poi alla sua abitazione, mise agli arresti il primo cittadino che per un giorno intero rimase rinchiuso a Vallo, con l’accusa di detenzione di materiale pedopornografico. Su un computer a lui in uso, all’interno del suo studio, vennero ritrovati file compromettenti riguardanti minori. Ad aprile 2016 si aprì il processo. Cammarano si è sempre professato innocente. Ora la condanna anche in secondo grado. Durante il processo di Appello grazie ad una nuova perizia fatta sui file rinvenuti sul pc del sindaco sarebbero emersi nuovi elementi compromettenti. Già nelle motivazioni della sentenza di primo grado si leggeva «Risulta senz’altro singolare e pertanto non credibile che da una navigazione su comuni siti porno possano aprirsi del tutto involontariamente e così agevolmente oltre 500 siti di natura pedopornografica e che altrettanto casualmente sia confluito sul computer dell’imputato un file contenente circa 800 immagini di carattere pedopornografico».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.