đź”´Parco, il giardino di Palazzo Mainenti non sarĂ  cementificato

L’Ente Parco ha acquisito l’area


Nuova cementificazione nel cuore di Vallo della Lucania, l’Ente Parco del Cilento, Vallo di Diano e Alburni evita lo scempio edilizio. Nell’ultimo consiglio direttivo il Presidente Tommaso Pellegrino, il direttore Gregorio Romano e gli altri consiglieri hanno approvato il punto all’ordine del giorno riguardante l’acquisizione del giardino di Palazzo Mainenti sede dl Parco, area dove era destinata ad essere realizzata la nuova costruzione edilizia. L’intervento del Parco ha posto fine ad ogni possibilitĂ  di procedere con l’avvio dei lavori. La vicenda nei mesi scorsi aveva sollevato non poche polemiche. In campo erano scesi semplici cittadini, associazioni ambientaliste e comitati locali. Tutti ad esprimere la propria contrarietĂ  al progetto edilizio che avrebbe interessato l’area interna alla sede del Parco dove ora sorge un bellissimo giardino. Un polmone verde nel cuore della CittĂ  di Vallo che da sempre fa da cornice allo storico Palazzo Mainenti. Su quel terreno, invece, sarebbe stata autorizzata la costruzione di un immobile a piĂą livelli di tipo residenziale al quale via si oppose subito, attraverso un procedimento in autotutela, lo stesso Ente Parco, che tra l’altro, ha sin dall’inizio invocato il vincolo della Soprintendenza. A far discutere soprattutto i pareri favorevoli giĂ  espressi all’edificabilitĂ  attribuita all’area orto giardino situata ad alcuni metri dalla dimora del Parco. Una proprietĂ  che in termini tecnici ancor prima che giuridici non poteva essere nĂ© divisa, nĂ© destinata ad altri usi per la sua natura storica. Presenti sull’area anche un pozzo e una fontana che avrebbero dovuto fare spazio a nuovo cemento con la realizzazione di una palazzina con garage. Ora ogni azione è stata bloccata, il terreno in questione sarĂ  di proprietĂ  del Parco del Cilento. Si dice soddisfatto del risultato ottenuto il direttore Gregorio Romano “sin dall’inizio della vicenda abbiamo espresso le nostre perplessitĂ  sul progetto, abbiamo lavorato per scongiurare la cementificazione di quello che ora è a tutti gli effetti il nostro giardino”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.