đź”´Al San Luca vaccinato nonno Francesco 102 anni, a Salerno nonnina di 101 aspetta da due mesi

Nonno Francesco Vecchio, originario di Cicerale ma da anni residente ad Ascea, il prossimo il 7 maggio compirĂ  102 anni.

Il dinamico ultracentenario ieri mattina ha ricevuto il vaccino presso l’ospedale San Luca di Vallo della Lucania. A Salerno invece c’è una nonnina di 101 anni che aspetta da quasi due mesi di essere vaccinata. Due storie che raccontano, tra luci ed ombre, la campagna vaccinale tra Salerno e il territorio provinciale. Ieri mattina nonno Francesco accompagnato dai familiari è arrivato al punto vaccinale dell’ospedale cilentano, struttura impegnata da piĂą di tre mesi nella somministrazione dei vaccini. Come tanti altri anziani anche nonno Francesco è stato vaccinato. Un fiume in piena il nonnino, un esempio per tanti giovani e meno giovani. Anche mentre riceveva il vaccino non si è fermato nei suoi racconti di gioventĂą, sui tempi duri di una volta invitando tutti gli operatori sanitari, coordinati dal dottore Antonio Tomei a non scoraggiarsi per quanto sta accadendo. Non sono mancati quindi i ringraziamenti per l’accoglienza ricevuta. Il nonnino ha le idee ben chiare sul difficile momento. C’è l’emergenza coronavirus ma nonno Francesco non riesce a rinunciare a qualche ora di sole. Le abitudini di una vita sono difficili da trascurare. Per questo ha voluto vaccinarsi. É autonomo, gode di buona salute e la sua passione resta la campagna. “Ho centinaia di piante di ulivo da sistemare – ha detto – anche questa mattina ne ho zappare tre, me ne restano ancora molte ” ha raccontato ai sanitari del San luca che incantati hanno ascoltato i suoi racconti mentre si vaccinava. Una bella testimonianza che arriva dal cuore del Cilento. Tutt’altra storia invece quella che vede protagonista un’altra centenaria, precisamente una anziana di 101 anni che a Salerno aspetta da quasi due mesi di essere vaccinata. Lo denuncia il Codacons, che riporta il caso della nonnina che ha fatto richiesta per il vaccino anti-Covid a domicilio in data 15 febbraio, non ottenendo alcuna risposta dalla Asl. Una situazione assurda, spiega il Codacons, considerato che l’anziana è un soggetto fragile, impossibilitata a muoversi e uscire di casa, che si avvale dell’aiuto di una badante. Quest’ultima, tuttavia, a causa dei ritardi nella vaccinazione, non può fornire assistenza alla donna, non potendo rischiare di trasmetterle il virus. La Regione Campania, attraverso la piattaforma Soresa, ha comunicato lo scorso 15 febbraio di aver preso in carico la richiesta di vaccinazione della anziana signora, ma da allora nessuna informazione è stata fornita, e l’anziana attende ancora il vaccino cui ha diritto. ” Rivolgiamo oggi un appello – le parole del Codacons – al presidente della Regione, Vincenzo De Luca, e alla Asl di competenza affinchĂ© si attivino con urgenza per vaccinare l’anziana, che tra qualche mese compirĂ  102 anni e non vorrebbe ricevere come regalo di compleanno il vaccino anti-Covid, ma arrivare giĂ  vaccinata all’appuntamento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.