🔴Abuso d’ufficio a Montecorice: assolti gli imputati

A processo per le autorizzazioni a costruire una struttura turistica


Si è chiuso con una sentenza di assoluzione per i soprintendente ai Beni Ambientali di Salerno Gennaro Miccio e Vittorio Grieco e con la prescrizione per altri 9 imputati tra committenti dei lavori, progettisti ed esecutori il processo avviato nel 2017 per la realizzazione di quattro unitĂ  immobiliari per case vacanze  ad Agnone, nel comune di Montecoroce. Un lungo processo arrivato al termine due giorni fa con la sentenza emessa dal collegio giudicante presieduto dal giudice  Mauro Tringali e giudici a latere Setta e Vernetti. Una vicenda giudiziaria che ha visto alla sbarra nome illustri con l’accusa di abuso di ufficio in merito al rilascio di autorizzazioni che hanno portato alla realizzazione di una struttura turistico ricettiva a rotazione d’uso case ed appartamenti per vacanze composta da quattro corpi di fabbrica ed annesse strutture e relative opere di sistemazione esterna e di garage. L’intervento edilizio secondo l’accusa era in contrasto con le norme del Piano Territoriale Paesistico del Cilento Costiero in quanto comportava notevoli movimenti terra e i soprintendenti avrebbero comunque rilasciato parere paesaggistico favorevole con il quale si consentiva la condotta illecita. Per Gennaro Miccio , ora  ex soprintendente, e Vittorio Grieco,  difesi dall’avvocato Franco Maldonato, a chiusura del processo è arrivata l’assoluzione perchĂ© il fatto non sussiste, per gli altri imputati è stata emessa sentenza per prescrizione. Nel pool di legali  che hanno lavorato a difesa dei vari imputati anche gli avvocati Vincenzo Montone, Domenicantonio D’Alessandro, Luisa Feola, Gennarino Crocamo, Carmine Giovine.
Alla sbarra erano finiti i legali rappresentanti di una societĂ  turistica, il responsabile dello Sportello Unico per le attivitĂ  Produttive di Vallo  della Lucania. Le indagini e i rinvii a giudizio suscitarono non poca attenzione nel paese del combinato Giuseppe Tarallo noto per le sue battaglie a difesa del patrimonio ambientale e contro l’abusivismo edilizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.