đź”´Simone, ha una grave malformazione: nasce alla clinica Malzoni.

 

Grande gioia per Manzo Anna di anni 27, salernitana, barwoman e per il compagno Cristian Pellegrino, salernitano, barman, nell’apprendere la notizia di una gravidanza.

Ben presto però sopraggiunsero paure, ansie e preoccupazione nell’apprendere da una prima ecografia che qualcosa nella morfologia del bambino non andava bene. I genitori decisero a quel punto di rivolgersi al dr. Raffaele Petta, notoriamente considerato uno dei massimi esperti nazionali nel campo della “ Gravidanza a rischio” che alla 20° settimana diagnosticò la presenza nel torace del feto di una voluminosa cisti broncogena che deformava il torace del bambino.

Accantonata l’idea di interrompere la gravidanza da parte dei genitori, il management di questa gravidanza ad alto rischio, fu coordinata dal dr. Petta che si avvalse delle consulenze di una équipe formata dalla dr.ssa Agata Lamberti, Ecografista, dal prof. Aniello Di Meglio, riferimento nazionale nel campo della diagnostica prenatale, dal prof. Nicola Persico ,Responsabile della Chirurgia Fetale della Clinica  Mangiagalli di Milano e dai Chirughi Pediatri dell’Ospedale Santobono di Napoli.

“La cisti broncogena è un riscontro abbastanza raro nel feto. La peculiarità del caso in esame era rappresentata dalle dimensioni della stessa che superava i 5 cm .di diametro. Le complicanze più frequenti sono la rottura della cisti, la infezione ma soprattutto la pressione sul mediastino e sul cuore fetale che possono portare ad insufficienza cardiaca con accumulo di liquido nel torace e nell’addome fino alla morte del feto.
Nel caso specifico abbiamo lavorato in partnership con il prof. Nicola Persico della Clinica Mangiagalli di Milano ,che in caso di scompenso cardiaco, avrebbe provveduto a fare un intervento in utero con rimozione della cisti” afferma il dr. Raffaele Petta

Alla 38° settimana la paziente fu ricoverata nel Reparto di Ostetricia della Clinica Malzoni di Avellino, diretto dalla dr.ssa Annamaria Malzoni che il 23 febbraio eseguì un taglio cesareo con il dr. Raffaele Petta, l’Ostetrica Paola Galluccio; l’anestesia fu condotta dalla dr.ssa Bianca Maria Cillo.

Alle ore 9,15 nasceva il piccolo Simone, con un peso di kg. 2,800 che veniva affidato alle cure del dr. Angelo Izzo, Responsabile della Terapia Intensiva Neonatale della Malzoni.

Il piccolo Simone veniva prontamente sottoposto a radiografia   ed ecografia  del torace, con cui si confermavano le dimensioni molto voluminose della cisti ; tuttavia non vi  era  compromissione cardiaca per cui, il bambino, posto sotto osservazione per alcuni giorni, alla quarta giornata veniva dimesso.

Attualmente il bambino è a casa ; verrà sottoposto a controlli ravvicinati ed all’età di 8-9 mesi, se la cisti non sarà  riassorbita, sarà operato dai Chirurghi dell’Ospedale Pediatrico Santobono di Napoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.