đź”´Scuola, disabile picchiata ed umiliata sui social: i bulli a processo

🔴Nel video la ragazzina diversamente abile veniva derisa ed umiliata. 


Bulli a scuola, scatta il piano di recupero. Picchiarono in testa una compagna di classe disabile, la  scena di violenza fu ripresa e diffusa tra i ragazzi. Nel video la ragazzina diversamente abile veniva derisa ed umiliata.  Per i protagonisti di questa vicenda è iniziato il processo presso il tribunale dei Minori di Salerno. L’episodio di bullismo, anzi di cyberbullismo, si verificò agli inizi del mese di novembre del 2019, in una delle classi dell’istituto  alberghiero Ancel Keys di Vallo Scalo. Nel corso della prima udienza, che si è svolta nei giorni scorsi,  due compagni di Rebecca, la chiamiamo così per tutelare la sua identitĂ , avrebbero “ammesso” le proprie responsabilitĂ  davanti al presidente del Collegio. Per entrambi, su richiesta del Pubblico Ministero, si aprirĂ  un percorso di recupero. Saranno nominati alcuni psicologi,  che decideranno un piano di lavoro ben preciso e che dovrĂ  portare i ragazzi a riconoscere  la gravitĂ  del loro gesto ai danni della  compagna di classe.  Il piano di recupero dovrĂ  essere valutato ed approvato dal Pubblico Ministero. Rebecca, la chiameremo così per tutelare la sua identitĂ , all’epoca dei fatti aveva 14 anni. Sin dalla nascita soffre di un ritardo. Come tutti i suoi coetanei ultimate le medie ha voluto iscriversi al primo anno di scuole superiori. I genitori hanno  scelto l’istituto alberghiero affidando la propria figlia alla scuola. La donna non avrebbe mai immaginato di dover vedere invece sua figlia schiaffeggiata e derisa da alcuni suoi compagni di classe. Subito dopo l’episodio si rivolse prima alla dirigenza dell’Istituto scolastico e subito dopo  ai carabinieri della compagnia di Vallo  diretti dal capitano Annarita D’Ambrosio. Le indagini svolte dai militari hanno portato ad individuare i “bulli”. Nel video diffuso tra i ragazzi fu ripresa tutta la scena in cui Rebecca era seduta tra i banchi. Dinanzi e di fronte a lei c’era  un gruppetto di ragazzi che ridevano. Ad un certo punto uno si avvicina alla ragazza per schiaffeggiarla. Nel video è ben visibile che Rebecca aveva cercato di difendersi dai compagni “cattivi”. Dopo il primo schiaffo ricevuto in testa, la ragazza alza le mani in segno di difesa, poi arriva la seconda sberla e i compagni iniziano a ridere. Una scena in cui la ragazza veniva  derisa ed umiliata. Subito dopo l’episodio i”bulli” furono sospesi da scuola per qualche  giorno.

L’opinione pubblica si divise. Anche tra i docenti dell’istituto scolastico ci furono reazioni contrastanti. All’udienza di qualche giorno fa ha preso parte anche dirigente scolastica. Amareggiata ed arrabbiata la mamma di Rebecca che ancora oggi si chiede il  perchĂ© di tanta cattiveria nei confronti di sua figlia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.