đź”´COVID, Fidia Farmaceutici disponibile a produrre vaccini per la Pfizer: un cilentano a capo del colosso


Potrebbe arrivare dal Veneto un aiuto alla Pfizer Biontech, la casa farmaceutica statunitense che venerdì ha annunciato al governo italiano il taglio settimanale di 165mila vaccini anti-Covid sui 562 mila concordati almeno fino al 25 gennaio. La proposta d’aiuto è della Fidia Farmaceutici di Abano Terme, in provincia di Padova, che, attraverso una nota ufficiale, si è detta disponibile a produrre  le dosi vaccinali per conto della Pfizer Biontech. Il colosso italiano, il cui direttore Angelo Schiavo è originario di Vallo della Lucania, ha di fatto un’importante e pluriennale capacitĂ  di produrre vaccini per uso umano nell’ordine di decine di milioni di dosi l’anno, con un impianto produttivo in piena funzionalitĂ . Fidia, infatti, produce in conto terzi per multinazionali del farmaco con accordi pluriennali. E di fronte ad esigenze di salute pubblica e sicurezza nazionale si rende disponibile a mettere a disposizione del Paese, e al servizio della collettivitĂ . “Bisogna essere degni del popolo Italiano! Non è degno chi compie atti di disonestĂ  , i corrotti ed i disonesti devono essere colpiti senza alcuna considerazione – dice il direttore Angelo Schiavo – Il coraggio intellettuale della veritĂ  e la pratica politica sono due cose inconciliabili nel nostro Paese. Il nostro Paese non si salverĂ  , la stagione dei diritti e della libertĂ  si rivelerĂ  effimera, se in Italia non nascerĂ  un nuovo senso del dovere ! Scendere in campo per il bene della comunitĂ  , il bene del Paese , il bene Comune , a mio avviso è un dovere ! Coniugando umiltĂ , esperienze e le saldi radici alla mia terra Cilentana , ho deciso di mettere disposizione del Paese il nostro Know How..Il Know How di un Azienda Italiana , leader nel mondo , per il Paese Italia”. Intanto, sempre dalla Fidia Farmaceutici, arriva un altro importante nella lotta contro il covid grazie al Nodigap-colecalciferolo, farmaco a base di vitamine D che in diversi studi ha giĂ  dimostrato la diminuzione dei decessi e dei trasferimenti in terapia intensiva tra i pazienti covid.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.