🔴Campania in zona gialla da lunedì: cosa si può fare dall’11 gennaio?

La Campania resta in zona gialla almeno fino al 15, ma in caso di risalita dell’indice Rt potrebbe scattare la zona arancione. Ecco cosa cambia da lunedì 11 gennaio.

Campania in zona gialla da lunedì 11 gennaio. La Regione governata da De Luca è stata in bilico fino all’ultimo, considerando i nuovi parametri per la definizione dei colori regionali.

La firma dell’ordinanza da parte di Speranza, però, ha sciolto ogni dubbio: la Campania sarà gialla da lunedì 11 gennaio. Scongiurato, almeno per questa settimana,il declassamento verso la zona arancione.

La cabina di Regia e, in base ai dati del monitoraggio regionale, ha definito la nuova mappa dell’Italia suddivisa in 3 colori in vigore dall’11 gennaio. Sono 5 le Regioni passate in zona arancione: tra queste non c’è la Campania, che ha registrato uno degli indici di contagio più bassi tra Natale e Capodanno, ma dove è alta l’allerta per un possibile peggioramento della situazione Covid nelle prossime settimane.

La regione campana è in zona gialla da lunedì 11 gennaio: cosa si può fare e cosa no?

La Campania passerà in fascia gialla dall’11 gennaio e fino al prossimo monitoraggio dell’Iss e disposizioni ministeriali, varranno le regole della zona gialla rafforzata. Ciò significa che bar e ristoranti potranno restare aperti con servizio al tavolo fino alle 18, e che riaprono centri commerciali e negozi, ma non ci si potrà spostare liberamente fuori Regione

La zona gialla rafforzata infatti prevede che ci si possa muovere all’interno della Regione in cui si abita, ma per varcare i confini regionali bisogna avere comprovati motivi di lavoro, salute, necessità o urgenza, da indicare nel modulo di autocertificazione richiesto. Resta consentito uscire dalla Regione per fare rientro al proprio domicilio, residenza o abitazione.

La riapertura delle scuole

L’11 gennaio in Campania riaprono le scuole, in modo graduale: lunedì rientrano in presenza gli alunni della scuola dell’infanzia, prima e seconda elementare; dal 18 gennaio, in base alla situazione epidemiologica, si valuterà il ritorno in classe per tutta la scuola primaria e poi dal 25 gennaio sarà il turno delle medie e superiori. Con la riapertura delle scuole in Campania partirà anche un programma di screening a tappeto per il personale scolastico e gli addetti ai trasporti pubblici: a loro saranno destinati 350mila test antigenici in arrivo in regione stando a quanto disposto dal presidente Vincenzo De Luca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.