🔴Covid. Ascea: attesa per l’esito dei tamponi sui bambini della scuola

A Rutino rientra l’allarme dopo il medico di base. A Montano oggi lutto cittadino

C’è attesa nella comunità di Ascea per l’esito dei tamponi eseguiti ieri pomeriggio su alcuni bambini e maestre dell’istituto comprensivo Parmenide. Lo screening si è reso necessario dopo la notizia della positività di una bambina che frequenta l’istituto scolastico ad Ascea Capoluogo, per il cui sospetto caso il 17 dicembre sono state sospese tutte le attività didattiche. A far scattare l’allarme la notizia che la mamma della piccola era risultata positiva. Il dirigente scolastico Luca Mattiocco d’intesa con il sindaco Pietro D’Angiolillo che ha emesso apposita ordinanza, ha annunciato la chiusura dei plessi scolastici di Ascea Capoluogo e Ascea Marina fino al 22 dicembre in attesa di avere certezze sul sospetto caso della bambina. Sabato è arrivato l’esito del test fatto alla piccola. Anche l’alunna come la mamma ha il coronavirus per cui si è reso necessario lo screening tra i bambini e le insegnanti. Il dirigente  ha comunicato all’Asl di competenza, come da normativa vigente, i nominativi di coloro che hanno avuto contatti stretti con l’alunna in ambito scolastico. L’Asl di Salerno ieri ha procede ad effettuare i tamponi. È rientrato invece l’allarme nel comune di Rutino dove qualche giorno fa è risultato positivo il medico di base. La notizia subito comunicata dagli amministratori locali, aveva creato non poca apprensione tra i cittadini invitati dal sindaco Giuseppe Rotolo ad informare il comune di eventuali contatti con il medico, per ricostruire la rete dei contatti e procedere con i tamponi. L’attivita di screening non si è resa necessaria poiché, così come accertato, sia il medico che i suoi pazienti hanno adottato tutte le necessarie misure di sicurezza, mascherine e distanziamento per cui sarebbe stato scongiurato il rischio di altri contagi. Lutto cittadino invece per oggi a Montano Antilia. A proclamarlo il sindaco Luciano Trivelli per ricordare la prima vittima di covid registrata nel centro cilentano. Antonio Tambasco, 70enne, è deceduto nel primo pomeriggio di martedì in un ospedale del casertano. Era risultato positivo al coronavirus nelle scorse settimane durante una visita presso l’ospedale “San Luca” di Vallo della Lucania. Sottoposto a tampone era emerso il contagio e in poco tempo le sue condizioni di salute sono peggiorate, complici anche altre patologie pregresse. Per lui si è reso necessario il trasferimento in un’ospedale del casertano, ricoverato nel reparto di terapia intensiva. E’ qui che è avvenuto il decesso. “E’ doveroso, interpretando i sentimenti di angoscia dell’intera comunità e di vicinanza alla famiglia colpita da una così drammatica perdita, proclamare il lutto cittadino in segno di partecipazione”, spiega il sindaco Luciano Trivelli. Montano Antilia è stato il primo Comune nel Cilento è in tutta la Regione Campania a registrare un caso covid il 26 febbraio scorso .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.