Almanacco di oggi 3 Dicembre 2020

 

 

Buongiorno…

Oggi giovedi 3 Dicembre 2020

IL SOLE : sorge alle 7:20 e tramonta alle 16:39

 

LA LUNA : tramonta alle 12:40 e sorge alle 23.16

 

 

Il Santo del giorno

San Francesco Saverio

Il giorno 7 aprile dell’anno 1506, nel castello di Saverio, nella Navarra, nasceva colui che Urbano VIII chiamerà « l’Apostolo delle Indie », S. Francesco Saverio. Fin dall’adolescenza si applicò con amore appassionato allo studio delle lettere, nelle quali conseguì ottimi risultati. Già professore di Filosofia nel collegio di S. Barbara in Parigi, si incontrò per provvidenza di Dio con S. Ignazio di Loyola. Questi gli ripeteva instancabilmente la sentenza evangelica: « Che giova all’uomo acquistare il mondo intero, se poi perde la sua anima? ». Coll’aiuto della grazia il santo fondatore dei Gesuiti lo indusse a riflettere bene su ciò, facendogli comprendere la verità e l’importanza di questa massima, tanto che egli abbandonando ogni progetto mondano, si diede con tutte le sue energie alla causa santa del Signore, sotto l’esperta guida di S. Ignazio. Frattanto Francesco divenne diacono e finalmente, dopo due mesi di aspre penitenze, potè celebrare con indicibile effusione di cuore, la sua prima Messa.

In questo frattempo Giovanni III, re del Portogallo, avendo udita la fama dei compagni di Ignazio, ne chiese alcuni per mandarli missionari nelle Indie orientali. Ignazio saputo questo e illuminato dal cielo, scelse il Saverio, il quale accettò volentieri la missione affidatagli. Ricevuta la benedizione papale, partì e arrivò felicemente a Goa, principale città delle Indie, che fu la prima a ricevere i frutti della parola di Francesco. Da Goa passò a Malacca, indi a Trovancore e nelle terre circostanti: dovunque l’apostolo infaticabile operava conversioni e prodigi. Il suo zelo veramente non ebbe confini. Si spinse fin nel Giappone, dopo esser ritornato a Goa, per rivedere le cristianità già fondate, e colà pure il divino seme produsse molti buoni frutti. Sebbene esausto di forze, concepì il progetto di inoltrarsi nella immensa Cina, e lo aveva quasi attuato, quando il Signore, contentandosi dell’eroico suo proposito, lo chiamò a sò nella gloria.

Questo Santo, tanto insigne, si distinse in tre virtù in modo particolare. Nel suo grande zelo : un unico desiderio aveva: saziare il Cuore di Gesù famelico di anime. Per questo ideale, non badò a sacrifici, a lacrime, ad umiliazioni, a dolori, a sangue. Si distinse ancora per l’ubbidienza eroica ch’egli abbracciò nonostante gli ordinasse di abbandonare i suoi cari, la famiglia e la terra natia, per andare solo, lontano, verso luoghi sconosciuti. Fu eroico inoltre il suo spirito di sacrificio che lo portò ad un amor di Dio tanto grande da fargli spostare due costole dalla parte del cuore. Morì su uno scoglio arido e desolato di fronte alla Cina, avendo per unica compagnia e conforto un servo indigeno. Moltiplicandosi i miracoli ricevuti per sua intercessione, fu elevato agli onori degli altari e proclamato celeste protettore di tutte le missioni cattoliche.

 

 

Nati oggi :

Nino Rota, compositore italiano (1911-1979)

Il proverbio del giorno :

A pancia piena non predicare il digiuno.

 

La frase del giorno :

” Nella vendetta e nell’amore la donna e’ piu’ barbarica dell’uomo “

Friedrich Nietzsche

 

 

Viaggiare nel Cilento 

ANDATE A CONOSCERE BAMBI

L’Oasi la Fiumara è situata nel cuore del Cilento antico, in un’ampia vallata formata dalla Fiumara di Santa Lucia, tra i comuni di Lustra e Sessa Cilento. Rilassatevi e respirate profondamente, siete in un ambiente unico per ristabilire il contatto tra uomo e natura, con i suoi prati, boschi, macchie, ambienti aperti, zone umide, stagni e torrenti. Visitando l’Oasi camminerete tra angoli di natura incantevoli e conoscerete una grande varietà di specie animali e vegetali. È un ottimo modo per andare alla scoperta del magnifico mondo animale. All’interno dell’Oasi è infatti stato realizzato un parco faunistico di circa 15 mila metri di terreno alberato e piuttosto pianeggiante, completamente recintato con enormi voliere in cui sono ospitati centinaia di animali, per lo più uccelli, che potrete incontrare come se fossero in completa libertà.

Capre nane, conigli, galline, ma anche pappagalli, picchi, martin pescatori, poiane volano liberi intorno all’oasi. All’esterno del parco faunistico si possono osservare le tane di volpi e tassi, i nidi di diversi tipi di uccelli, e scoprirne le abitudini e i comportamenti. Seguite le orme che gli animali hanno lasciato per voi, vi porteranno a casa di Bambi, un bellissimo daino che vive nella boscaglia dell’Oasi. Farete vivere ai vostri bambini l’emozione dei veri esploratori naturalisti, perlustrando l’oasi e imparando a riconoscere le piante che vi crescono e gli animali che vivono liberi nel loro ambiente naturale. I bambini infatti potranno vivere l’esperienza in prima persona entrando nei recinti e nei ricoveri dove, attraverso divertenti aneddoti, scopriranno cosa mangiano e come vivono gli animali della fattoria e incontrare i nuovi nati.

Vedrete i vostri bambini provare un’istintiva attrazione per il mondo degli animali e della natura, anche perché i percorsi educativi non sono astratti ma concreti, basati sull’osservazione e sulla sperimentazione e rispondono a precisi bi sogni e motivazioni. A disposizione degli ospiti visite guidate, escursioni naturalistiche, laboratori didattici, area pic-nic attrezzata con barbecue, bar. E per mettervi alla prova potrete cimentarvi anche in uno sport antico e affascinante: il tiro con l’arco.

 

 

OGGI A TAVOLA

Involtini di cavolo

Per 4 persone. Fai lessare 150 g di riso per la metà del tempo previsto dalle indicazioni della confezione. Metti sul fuoco 1 cavolo cappuccio da 1 kg in una pentola con acqua fredda salata, e fallo bollire per 10 minuti, scolalo e fallo raffreddare.

Sfoglialo bene. In una ciotola unisci il riso, 250 g di prosciutto cotto a dadini, 200 g di carne macinata lessata, 50 g di parmigiano grattugiato, 1/2 porro tritato e 2 uova.

Mescola e versane un po’ su ogni foglia. Ripiega ogni foglia su se stessa ottenendo degli involtini. Infarinali e falli rosolare nel burro, aggiusta di sale e pepe e servi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.