🔴Don Matteo ucciso dal Covid: sconcerto e dolore nel Cilento

Nella sola struttura covid di Agropoli sono decedute in un mese quattordici persone


Non ce l’ha fatta Don Matteo Mpampanye. Il  cuore del parroco di 51 anni ha cessato di battere ieri sera nella struttura covid di Agropoli dove era ricoverato da una decina di giorni. Il sacerdote, originario della Repubblica del Congo era tra i preti ospiti del convento di Perdifumo attivo anche nelle parrocchie di Camella, Mercato Cilento, Casillano e Paestum. Grande dolore per la sua scomparsa nella comunitĂ  diocesana. Per lui la comunitĂ  locale ha pregato tanto negli ultimi giorni, ha organizzato anche una veglia online. Don Matteo dopo i primi sintomi era stato ricoverato all’ospedale San Luca di Vallo della Lucania poi subito trasferito ad Agropoli dove purtroppo le sue condizioni di salute sono peggiorate giorno dopo giorno. Ieri sera il suo cuore ha cessato di battere. Subito dopo il suo ricoveri a Perdifumo erano scattati i protocolli. È stata effettuata la sanificazione di tutte le chiese ed è stato eseguito uno screening tra la comunitĂ  locale. Tra i positivi c’è anche il frate Jhonny Kaitharath parroco del convento di Perdifumo. Don Matteo una settimana prima del ricovero al San Luca era risultato negativo. Poi  le sue condizioni sono peggiorate. “Il Signore ha chiamato a sĂŠ un Sacerdote ed un uomo buono, discreto, disponibile, generoso, una persona perbene”, le parole di dolore dei suoi fedeli.  Amabile e gentile era arrivato due anni fa nel Cilento e  in punta di piedi, subito è stato  amarlo per la sua umanitĂ , per il messaggio di discrezione, laboriositĂ  e di amicizia che aveva saputo da subito trasmettere con tutti, indistintamente. Aveva saputo  entrare in sintonia con la sensibilitĂ  profonda e le tradizioni della comunitĂ  locale , ed aveva saputo cogliere fin dal primo momento le esigenze del piccolo paese. Don Matteo era particolarmente attento all’assistenza agli anziani, e soprattutto alle persone sole. Don Matteo purtroppo allunga ulteriormente la lista delle vittime da covid sul territorio  cilentano. Solo due giorni fa a Felitto la morte di un ragazzo di 31 anni. Nella sola struttura covid di Agropoli sono decedute quattordici persone molte del territorio cilenano. Ieri è venuto a mancare anche un uomo di 63 anni a Casaletto Spartano. L’uomo era in dialisi e la sua positivitĂ  al Coronavirus ha aggravato ulteriormente le sue condizioni di salute. È il sesto decesso nel piccolo borgo. Per Don Matteo sono arrivate ieri sera le parole del vicario generale della Diocesi di Vallo della Lucania Don Franco Pecoraro “Uniti nella preghiera di suffragio, mentre esprimiamo il nostro cordoglio alla famiglia religiosa della SocietĂ  delle Divine Vocazioni, affidiamo al Signore l’anima di questo caro sacerdote, il quale sull’esempio del Cristo ha consacrato la vita al servizio della Chiesa e ha lavorato operosamente anche nella nostra comunitĂ  diocesana”. Sul fronte contagi la situazione nel Cilento ieri ha fatto registrare nuovi casi a Castellabate, Agropoli, e Capaccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.