Almanacco di oggi 21 Novembre 2020

Buongiorno…

Oggi sabato 21 Novembre 2020

 

IL SOLE : sorge alle 7:06 e tramonta alle 16:45

 

LA LUNA : tramonta alle 00:36 e sorge alle 14:12

 

 

Il Santo del giorno:

Presentazione della Beata vergine Maria al Tempio

La Presentazione della Beata Vergine Maria è una memoria liturgica della Chiesa cattolica di origine devozionale, celebrata anche dalla Chiesa ortodossa come Ingresso della Madre di Dio al Tempio,[1] che ricorda la presentazione di Maria al Tempio di Gerusalemme. Viene celebrata il 21 novembre di ogni anno da entrambe le Chiese.

La ricorrenza si basa sul racconto del protovangelo di Giacomo, uno dei vangeli apocrifi. Il Protovangelo afferma, nel capitolo sesto, che all’età di un anno Maria viene presentata ai sacerdoti del Tempio dai suoi due genitori, Anna e Gioacchino; pochi anni dopo viene fatta accedere all’interno, prendendo parte alla vita sacerdotale, fino al momento dell’incontro con Giuseppe. Nei primi autori cristiani, come nel già citato protovangelo o nel libro sulla natività di Maria (capitolo VI), viene ricordato che Maria venne introdotta nel Tempio all’età di tre anni, come i suoi genitori avevano promesso a Dio, purché concedesse loro di concepire un figlio.

La data della festività, il 21 novembre, deriva dallo stesso giorno di consacrazione della Basilica di Santa Maria Nuova nella città di Gerusalemme, che era stata costruita da Giustiniano I per il vescovo Elia (oggi distrutta). La prima celebrazione della Presentazione viene fatta risalire al Calendario di Basilio II Bulgaroctono, imperatore nell’XI secolo, come e’ eísodos tes Panagías Theotókou. Nel Medioevo conobbe un discreto successo, fino alla definitiva adozione da parte di Papa Sisto V nel 1585.

La Chiesa cattolica ricorda l’evento come una memoria, mentre quella ortodossa inserisce questa festività tra le dodici festività maggiori. La giornata è stata dedicata da San Giovanni Paolo II a tutte le donne religiose, in qualità di giornata Pro Orantibus. Viene anche festeggiata come Madonna della Salute, per la quale si trova a Venezia un sontuoso tempio votivo.

 

 

Nati oggi :

Luciano Barca, giornalista, scrittore, partigiano e politico italiano. (1920)

 

Il proverbio del giorno :

Ape morta non dà miele

 

La frase del giorno :

Il bacio e’ una trovata geniale per impedire agli innamorati di dire troppe stupidaggini

Alessandro Morandotti

 

 

Viaggiare nel Cilento 

RICORDATE JOE PETROSINO NELLA SUA CASA-MUSEO

Ci sono luoghi che sembrano fatti apposta per generare leggende: paesi scavati lungo pendii rocciosi dove ogni metro sembra raccontare una storia di vita. Solo in questi posti in cui la tenacia è vissuto quotidiano ti puoi trovare improvvisamente davanti ad una porta aldilà della quale la storia ti viene incontro presentandoti personaggi che hanno tracciato un solco profondo nella realtà italiana e mondiale. Questo accade a Padula, e la porta è quella che conduce alla casa natale di Joe Petrosino.

Proprio in quest’abitazione nacque nella notte tra il 30 e il 31 agosto 1860 una delle figure più importanti nella storia della lotta alla criminalità organizzata, orgoglio degli italiani nel mondo e simbolo della nostra emigrazione.

La piccola casa natale di Petrosino è stata acquisita dal Comune, restaurata e adibita a museo della legalità. Nelle sale del piano superiore il percorso è scandito dalle scene di un film in cui Joe Petrosino – interpretato dall’attore Andrea Tidona – incontra quattro personaggi, che approfondiscono e testimoniano gli eventi legati alla storia delle mafie. La valigia ancora accanto al letto di Joe, la candela accesa, l’orologio fermo

sull’ora in cui dopo anni il poliziotto è rientrato a Padula. Quella casa oggi conserva la memoria del primo uomo che ha sfidato la mafia italo-americana. Le pareti rivestite di foto rendono l’atmosfera densa di suggestioni. Il percorso parte da quando tredicenne, nel 1873, insieme alla famiglia emigra in America dove diventa lustrascarpe, giornalaio, spazzino, informatore della Polizia per il quartiere italiano, detective. Duro ed incorruttibile, dal fiuto infallibile, specialista in travestimenti, amico personale del presidente Theodore Roosvelt, nel 1909 tornò in Italia in incognito, deciso ad estirpare la mafia alle sue radici, in Sicilia. Ma qui, a Palermo, quattro colpi di pistola fermarono Joe Petrosino.

Visitare la casa-museo è un viaggio emozionante all’interno della vicenda umana di questa figura straordinaria. Le 24 sezioni al suo interno mostrano I luoghi in cui nacque, crebbe, partì e ritornò dopo 36 anni, proprio qualche giorno prima di essere assassinato. Ambienti custoditi con cura nel tempo, con gli arredi e gli oggetti originali che testimoniano la quotidianità del tempo. Uno scrigno prezioso per chi vuole confrontarsi anche con la storia dell’emigrazione italiana, vivendone le paure i drammi e i riscat

 

 

 

Oggi a tavola

INSALATA DI ZUCCA E BROCCOLI

Lava 150 g di broccoli, asciugali e dividili in cimette. Taglia a dadini 200 g di polpa di zucca gialla. Monda 3 carote, lavale e tagliale a tocchetti. Lava 100 g di germogli di soia e falli sgocciolare.

Sbuccia e affetta sottilmente 1 cipolla.  Prendi un cestello di bambù per la cottura al vapore e metti, nell’ordine, cipolle, carote e zucca. Fai cuocere per circa 8 minuti, poi togli dal fuoco e fai intiepidire.

Porta in tavola le verdure direttamente nel cestello, aggiungi i germogli e, a parte, servi una salsa preparata emulsionando olio, succo di li mone e salsa di soia.

 

 

Annuncio:

Vi invitiamo a partecipare alla nostra rubrica l’ Almanacco di oggi, inviando i vostri consigli e le vostre ricette a settvvallo@gmail.com , oppure al nostro numero whatsapp 344 046 5258.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.