Almanacco di oggi 19 Novembre 2020

Buongiorno…

Oggi giovedi 19 Novembre 2020

 

IL SOLE : sorge alle 7:04 e tramonta alle 16:46

 

LA LUNA : tramonta alle 13:04 e sorge alle 23:24

 

 

Il Santo del giorno

San Fausto

Le notizie su San Fausto sono poche non molto certe, si sa che visse ad Alessandria d’Egitto tra la fine del III e l’inizio del IV secolo e fu diacono della Chiesa alessandrina. Durante la persecuzione di Valeriano, giudicato dal prefetto Emiliano, insieme col vescovo Dionigi e con i diaconi Eusebio e Cheremone, subì l’esilio nella regione di Kefro in Libia col proprio vescovo e con Caio, Pietro e Paolo. Quando tornò in Egitto condusse una vita di vagabondaggio insieme con i diaconi Eusebio e Cheremone, senza mai trovare un posto sicuro dove potersi fermare finché.

Eusebio ha fatto di lui questo elogio: “Si è distinto nel confessare la fede ed è stato poi riservato sino alla persecuzione succeduta al nostro tempo; vecchio e pieno di giorni ha consumato nell’età nostra il martirio per decapitazione” (VII, 11, 26) Morì così durante la nuova persecuzione voluta dall’Imperatore Diocleziano e condannato appunto alla decapitazione. Nel Martirologio Romano il suo nome ricorre altre volte: al 3 ottobre, con Caio, Pietro e Paolo; al 4 con Caio, Eusebio, Cheremone e Lucio. Si tratta sempre del diacono ricordato il 19 novembre, poiché i suoi compagni non sono altri che i diaconi alessandrini, menzionati da Eusebio, perseguitati insieme con il loro vescovo Dionigi, durante l’impero di Valeriano.

 

 

 

Nati oggi :

Indira Ghandhi, politica indiana (1917-1984)

 

Il proverbio del giorno :

La farina del diavolo va tutta in crusca

 

La frase del giorno :

L’unico modo per non far conoscere agli altri i propri limiti e’ di non oltrepassarli mai

Giacomo Leopardi

 

Viaggiare nel Cilento

CERCATE LE VOSTRE ORIGINI AL MUSEO DEL COGNOME

Siete sicuri di sapere proprio tutto sulla vostra famiglia? La provenienza dei vostri antenati è davvero quella che credete? Se siete a Padula potete scoprirlo al Museo del Cognome, unico al mondo nel suo genere.

La galleria si articola in un vero e proprio percorso che spiega come muoversi per fare una ricerca sulla propria famiglia e quali strumenti adottare. Sulle pareti si possono ammirare riproduzioni di antichi atti degli Archivi civili ed esempi di alberi genealogici. Una biblioteca e una postazione internet a disposizione per avviare le proprie ricerche completano l’opera.

Nel varcare la soglia del Museo del Cognome vi ritroverete in un mondo particolare dove, con l’aiuto di un esperto, potrete immergervi in una vera e propria passeggiata nel passato. La prima sezione del Museo è improntata sulla storia del cognome, il cognome nel mondo e di come muovere i primi passi per poter affrontare una ricerca genealogica e ricostruire il proprio albero. La guida, dopo aver illustrato nei dettagli atti provenienti dai comuni e dalla chiesa, vi mostrerà e spiegherà la rappresentazione grafica di un albero genealogico e di una tavola dei discendenti e degli ascendenti. Il percorso continua con una panoramica sull’emigrazione italiana nel mondo: con un po’ di attenzione e con un minimo di conoscenza della lingua inglese potrete affrontare la grafia degli addetti alla trascrizione delle richieste di passaporti, naturalizzazioni, iscrizioni alla prima e seconda guerra mondiale, i censimenti che ci danno uno spaccato di vita italiana nell’America di inizio ‘900. Nella piccola stanzetta adiacente, una bella mostra di foto e documenti antichi per la maggior parte donati da discendenti di italiani all’estero.

La terza sezione mostra gli alberi genealogici di personaggi illustri. Ci sono l’atto di nascita di San Giuseppe Moscati e di Benito Mussolini, l’atto di nascita di Luigi Pirandelli (il famoso scrittore italiano a cui alla nascita fu erroneamente sbagliato il cognome e venne corretto solo dopo 30 anni), l’albero genealogico di attori e cantanti come Robert De Niro e Frank Sinatra. Preparatevi a scovare il vostro albero genealogico, vi aspettano grosse sorprese. E chissà che non vi imbattiate in un avo illustre o in qualche seme cattivo.

Galzerano Editore

 

 

LA RICETTA DEL GIORNO

Risotto con gorgonzola, uva e nocciole

Dosi per 4 persone: 300 g di riso; 100 g di gorgonzola; 1 grappolo di uva bianca; 50 g di nocciole; 40 g di burro; 1 scalogno; mezzo bicchiere di vino bianco; 750 ml di brodo vegetale.

Fate stufare lo scalogno nel burro, quindi aggiungete il riso e le nocciole tritate. Fate tostare, versate il vino e, una volta evaporato, aggiungete poco per volta il brodo caldo. Fate cuocere per una decina di minuti. Lavate gli acini d’uva, tagliateli a metà e privateli dei semi. A fine cottura aggiungete al riso l’uva e il gorgonzola tagliato a pezzettini e lasciate mantecare per qualche minuto.

 

Annuncio:

Vi invitiamo a partecipare alla nostra rubrica l’ Almanacco di oggi, inviando i vostri consigli e le vostre ricette a settvvallo@gmail.com , oppure al nostro numero whatsapp 344 046 5258.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.