ALMANACCO del 7 Novembre 2020

Buongiorno…

Oggi e’ Sabato 7 Novembre 2020

IL SOLE : sorge alle 6:49 e tramonta alle 16:58

LA LUNA : tramonta alle 1:28 e sorge alle 15:04

 

 

Il Santo del giorno

S. ERNESTO

Oggi, lunedì 7 novembre 2016, la Chiesa cattolica ricorda il martirio di sant’Ernesto di Zwiefalten, l’unico santo con questo nome celebrato nel martirologio romano.

Non conosciamo molti dati certi sulla sua vita, ma quei pochi che possediamo sono documentati e possono essere riferiti con cognizione di causa. Nacque a Steißlingen, una cittadina della parte occidentale della Germania, con

buona probabilità attorno al 1105. Intorno al 1140 lo ritroviamo abate del monastero benedettino di Zwiefalten, nei pressi di Costanza. Le sue innate doti spirituali e la sua saggezza gli fecero raggiungere questa posizione che egli mantenne per cinque anni, prima di dimettersi e lasciare il monastero. Probabilmente fu una scelta obbligata dalle difficoltà di gestire un comunità religiosa spesso vessata dalle autorità locali. All’epoca infatti l’abbazia non rappresentava solamente un luogo di culto, ma era anche al centro di dinamiche politiche, cosa che spesso causava molti problemi ai poveri monaci. Quando sant’Ernesto lasciò il monastero in Germania e in tutta Europa imperversava nuovamente lo spirito della Crociata. Sant’Ernesto decise allora di unirsi all’esercito di Corrado III e di combattere per liberare la Terra Santa. Tuttavia non riuscì mai neppure a vedere Gerusalemme. Giunti in Turchia, dopo un pericoloso e lungo viaggio, a causa delle divisioni interne ai crociati cristiani l’esercito di Corrado subì una grave disfatta. A questo punto la storia si trasforma con leggenda: fatto prigioniero e condotto a La Mecca, sant’Ernesto si rifiuta di adorare gli idoli della religione islamica e subisce un cruento martirio per mano dei saraceni.

È il santo patrono della Germania e il suo culto è connesso con la lotta, il valore e il coraggio. Il suo nome stesso che in tedesco suonava Arnust significa valoroso combattente come l’Aquila. Oggi la commemorazione di questo santo è affidata a una bellissima e antichissima statua posta sull’altare del monastero di Zwiefalten, che oggi è conosciuta col nome di Wuttemberg.

Per quanto riguarda le festività connesse con la figura del santo esse non sono molto numerose, soprattutto in Italia. Pare, ad esempio, che a Napoli in occasione della festa di sant’Ernesto si preparasse la cioccolata per i bambini. In Germania si svolge una messa solenne nella città natale del santo e a Wuttemberg, dove appunto si trova il suo simulacro. Tuttavia in Germania i bambini attendono con ansia questa ricorrenza dal momento che a partire dal 7 novembre cominciano le tanto agognate vacanze d’Autunno.

 

NATI OGGI :

Angelo Scola, Cardinale, Arcivescovo e teologo italiano (1941)

 

IL PROVERBIO DEL GIORNO :

Meglio tardi che mai

 

LA FRASE DEL GIORNO :

” La maggior parte dei conflitti che ci angustiano fa pensare alla lotta tra due calvi per un pettine. “

Jorge Luis Borges

 

Viaggiare nel Cilento

I murales di Piano Vetrale

Atmosfere e colori accesi che dipingono spaccati di quotidianità, paesaggi scene di vita contadina, segni zodiacali ed eccellenze cilentane. Benvenuti a Piano Vetrale, piccola frazione del comune di Orria. Qui non c’è vicolo o facciata che non ospiti un incantevole affresco.

Piano Vetrale presenta un assetto urbano tipico dei paesi cilentani dell’entroterra: è solcato da una miriade di vicoli, spesso collegati da lunghi archi, ma le sue vie pavimentate da selci raccontano fiumi di storie.

Gli affreschi si inseriscono tra le porte, circondano le finestre, si intrecciano e si amalgamano con il tessuto di Piano Vetrale. Ad ogni passo si incontra una nuova pera d’arte, ad ogni angolo una creazione che ti stupisce per originalita’. Puo’ succedere che per percorrere 100 metri ci si metta mezz’ora, perche’ ci si ferma ad ammirare la contadina dipinta sul muro con il tipico maccaturo; o l’anziano signore che riposa sulla panchina davanti ad un potone; o a chiedersi ancora se l’uomo e la donna con la valigia si stiano salutando prima che l’uno o l’altra partano, o al contrario si siano appena rivisti dopo una lunga mancanza. Ma è come se il tempo si fermasse all’interno di questo museo all’aperto, sotto un soffitto fatto di nuvole.

Con i suoi 70 murales Piano Vetrale è diventato un paesino unico ed affascinante, le cui mura, impreziosite dalla purezza espressiva dei pittori della Scuola Campana, dall’Espressionismo della Scuola Francese e dalle evocative composizioni della Scuola Siciliana, conservano insieme i sogni e le paure di ognuno, consentendovi di vivere con una passeggiata tradizioni popolari, fiabe e ritualità arcaiche per arrivare, attraverso il gioco della vita, a racconti del nostro tempo.

 

 

SALUTE 

Mangiare PIANO, mangiare SANO

Con l’inverno e le temperature fredde in arrivo, l’organismo per scaldarsi ha bisogno di un’alimentazione più ricca di grassi e carboidrati. Per non ingrassare, introducete una buona abitudine: mangiare lentamente. Mangiare piano conviene, in tutti i sensi. Non farlo si traduce quasi sempre in un eccesso di cibo. E questo per due motivi. Il primo è che il cervello non si focalizza tanto sul processo del mangiare, quanto sull’obiettivo di riempire lo stomaco. Il secondo motivo è che servono almeno 20 minuti per attivare il senso di sazietà, quindi se si mangia in fretta, la fame non si placa e si continua a farlo. La “ricetta” consiste nel masticare piano e un boccone alla volta.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.