?Pietro Miraldi: non è più la mia Vallo, nessuno parla

La Vallo di una volta.

Non è la piazza restaurata o i gerani colorati a fare sembrare che tutto funzioni, mi sa tanto dell’invitato al matrimonio in giacca e cravatta e le scarpe zozzose.

Questa degli ultimi anni non è la mia Vallo, non è la Vallo che ha dato lustri ai tanti, fiore all’occhiello di un territorio sempre più dimenticato,e ricordato solo in prossimità delle elezioni.

Risse tra rom; droga e alcol tra i minorenni. A proposito è di due mesi fa la mia denuncia che vengono somministrati alcolici nei bar del paese proprio ai minorenni, ma non mi risultano sanzioni ai gestori che continuano a non rispettare le leggi; ragazzini che lasciano le bottiglie di Peroni nei punti oscuri della città;

e non parliamo del nauseante odore di canna;

ospitiamo tutti e di tutto, soventi sono le urla in piazza la sera e i tentativi di rissa tra persone ubriache.

Ci mancava la ciliegina sulla torta di quanto accaduto ieri alla casa dei senza fissa dimora.

Un fallimento totale.

Ma nessuno ne parla, i panni sporchi si lavano in famiglia e fare cattiva pubblicità non aiuta il buon nome della Vallo che fu.

Ma io da innamorato della mia città mi sono rotto di far finta che tutto funzioni. Non è più la mia Vallo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *