? Vallo. Tutto negativi i tamponi eseguiti al San Luca dopa la scoperta della positività dell’infermiera

?NESSUN CONTAGIO NEL REPARTO DI MEDICINA GENERALE. TUTTI NEGATIVI I TAMPONI


Tutti negativi i tamponi eseguiti all’ospedale San Luca dopa la scoperta della positività dell’infermiera della Medicina Generale. Nella giornata di ieri sono stati eseguiti 28 tamponi tra il personale del reparto dove la donna aveva ripreso a lavorare il primo maggio scorso. I tamponi hanno dato tutti esito negativo. L’infermiera resta un caso isolato. Non c’è stato alcun contagio all’interno del presidio sanitario di Vallo. La notizia fa tirare un sospiro di sollievo a tutti gli operatori sanitari
ma non placa del tutto le polemiche. Qualche operatore sanitario ed utente ha chiesto spiegazioni alla direzione sanitaria sul perché la donna fosse stata reintegrata senza prima essere sottoposta ad un tampone di controllo.  Anche la Nursind con il segretario provinciale Biagio Tomasco ha inoltrato alla direzione sanitaria richiesta di chiarimenti. Già nella giornata di ieri erano arrivate le prime precisazioni dai vertici del San Luca:
“Questo è uno dei tanti casi che si stanno verificando – la precisazione della direzione sanitaria – che nonostante due tamponi negativi a distanza di tempo si positivizzano nuovamente. La verità che è che questo virus è sempre più strano. Il test sierologico è stato fatto a tutti i dipendenti e nel caso dell’infermiera rientrata, visto che aveva una certificazione di due tamponi negativi della Napoli 1 addirittura potevamo anche non fare il test. E’ stato un eccesso di zelo, che in questo caso ci ha dato ragione”

I FATTI

Infermiera dichiarata guarita a Napoli oltre venti giorni fa, risulta nuovamente positiva. Intanto aveva ripreso a lavorare nell’ospedale San Luca. E’ la storia del nuovo caso di positività registrato ieri al “San Luca” . La donna originaria di Napoli ma residente a Casal Velino aveva ripreso a lavorare il primo maggio. Nelle scorse settimane era stata a Napoli per accudire il papà positivo al covid. L’uomo purtroppo non ce l’ha fatta. La figlia è rimasta a sua volta contagiata. Ha aspettano a Napoli la guarigione fino a metà aprile quando è stata dichiarata guarita dall’Asl Napoli 1. Entrambi i tamponi di controllo erano negativi. Dopo venti giorni l’infermiera è stata messa in servizio al San Luca di Vallo. Lunedì è stata sottoposta al test sierologico risultato positivo. Una prima doccia fredda per la donna e per i colleghi di lavoro. L’infermiera ha rifatto quindi il tampone faringeo ed è risulta nuovamente positiva. Al momento presenta solo lievi sintomi per cui è stata messa in quarantena presso la sua ambizione di Casal Velino ove vive con il suo compagno originario di Pollica. È probabile che i tamponi di controllo cui è stata sottoposta a Napoli abbiano dato falso esito negativo. Attualmente restano ancora ricoverate nell’area Covid del “San Luca” le altre due infermiere, una di Agropoli l’altra di San Mauro La Bruca. Se per quest’ultime due il contagio è stato interno al presidio, caso diverso per l’infermiera di Napoli. Nel comprensorio cilentano al momento si registrano sette positivia ad Agropoli, 4 a Casal Velino, 1 a Perdifumo e Laurino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.