Cannalonga, la piccola Tiziana invoca San Toribio per fermare il virus

Oggi, 23 marzo, Cannalonga festeggia San Toribio (Santo Turibio). La popolazione è molto devota al suo protettore, benché originariamente, ovvero fino ai primi decenni del XIII secolo, la sua protezione era affidata a Sant’Onofrio.

Il “nuovo” Santo, però, ben presto si è affermato nel panorama devozionale del posto e testimonianza ne è la diffusione del nome.
Tutti noi in questo periodo abbiamo bisogno di rispetto, speranza e fiducia. È quanto ci insegnano i bambini, come la dolce Tiziana, che in maniera così semplice e spontanea, ci ha toccato il cuore, perché le sue preghiere sono le nostre preghiere. La sua dolcezza ci dà la spinta non solo per sperare ma per farci capire che per i nostri figli, per i bambini dobbiamo lottare e comportarci bene. Per loro. Per il futuro.

Letizia Baeumlin (Infocilento) e Nello Amato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.