đź”´CORONAVIRUS. Al San Luca di Vallo arriva dal Pascale la cura Ascierto. Avviata la sperimentazione

Dal Pascale arriva a Vallo della Lucania il Tocilizumab. L’ospedale San Luca è tra le prime strutture sanitarie ad aver avviato la somminstrazione del farmaco per i pazienti affetti da polmonite da Covid 19. Dopo i primi casi positivi la direzione sanitaria dell’ospedale vallese con il direttore Adriano De Vita ha subito contattato l’Istituto Nazionale Tumori. A sollecitare la sperimentazione la dottoressa Laura Pesce responsabile del reparto di oncologia del San Luca che giĂ  collabora con i colleghi del Pascale nell’ambito della ROC(rete oncologica campana), essendo questa l’unica possibilitĂ  per l’uso del farmaco nei pazienti Covid 19 pos. Da non dimenticare che il direttore scientifico dell’Istituto è il dottore Gerardo Botti originario di Sessa Cilento. Botti con il collega Paolo Ascierto e il direttore del Pascale Attilio Bianchi altro cilentano , è originario di Futani hanno dato l’ok per l’avvio della sperimentato presso la struttura sanitaria del Cilento. Al San Luca lo scorso 26 febbraio è arrivato il primo caso di coronavirus della Regione Campania. Ad oggi sono ricoverato tre casi positivi arrivati dai comuni cilentani di cui un paziente di Agropoli in gravi condizioni. Nelle ultime ore al San Luca struttura Covid stanno arrivando anche casi positivi da altre aree della regione. La dottoressa Pesce ha avuto l’intuizione di chiedere subito di usare il Tocilizumab. Il farmaco giĂ  conosciuto per l’artrite reumatoide sperimentato al Pascale con importanti risultati per i malati di coronavirus. Il Tocilizumab viene somministrato a pazienti con stadio di malattia abbastanza iniziale, non intubati o intubati da massimo 24 ore. “Il farmaco – spiega la dottoressa Pesce – si somministra in vena al massimo per due volte, a distanza di 12 ore”. Al Cotugno la sperimentazione sta dando buono risultati, stanno migliorando le condizioni dei pazienti trattati con il Tocilizumab. La speranza è di avere gli stessi risultati sui pazienti del San Luca. “Il paziente trattato – dice la dottoressa Pesce – è in rianimazione, facciamo tutto in collaborazione ognuno con le sue competenze, oltre me che seguo lo studio come resp pensabile scientifica del protocollo c’è la direzione, i rianimatori, farmacisti, infermieri. Un gran lavoro di squadra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *