?CORONAVIRUS, MIRALDI SCRIVE A DE LUCA: ma chi opera nella sanità pubblica è tutelato?

Vai a dormire,tanto non muoio.Devo solo trovare la posizione”
Carissimo Governatore Vincenzo De Luca,
e’ la seconda volta che ti scrivo,ti do del tu, perché ultimamente mi stai anche simpatico e mai come prima entri nelle nostre case con dirette o gag carine.
La prima mia lettera,ricordo,è stato circa tre anni fa,allora fu una mia carissima amica,che purtroppo ha perso la sua battaglia,che mi chiese di farti presente del rischio di chiusura del radio surgery di Agropoli.
Oggi invece mi permetto di replicare.
Lo stimolo mi viene dalle ultime strazianti parole rivolte alla moglie da Diego Bianco un operatore del 118 di Bergamo,morto a causa del coronavirus.
“Vado a dormire, tanto non muoio.Devo solo trovare la posizione.”
E poi ieri la notizia della pediatra cilentana risultata anch’essa positiva.
Ti chiedo, ma chi opera nella sanità pubblica è tutelato, è provvisto di mascherine idonee, tute e tutto ciò che serve per difendersi da possibili contagi?
Se si ammalano loro,e sappiamo che c’è carenza di personale,come possiamo stare tranquilli?
La mia non vuole essere una polemica, caro Vincenzo,ma ti invito a svolgere fino in fondo il tuo ruolo.
Non basta solamente chiudere paesi o privarci della libertà.
Lo so,oggi sono gli unici rimedi.
Ma se negli anni scorsi non avessi tagliato fondi alla sanità pubblica,con il solo obiettivo di uscire dal commissariamento,oggi forse non staremmo ad elemosinare mascherine.
Infine credo che mai come ora si deve aprire l’ospedale di Agropoli,e non me ne voglia il Sindaco di Vallo della Lucania,ma l’area delle fiere e’ nata per altro,ed è giusto che li si faccia altro.
Non è il momento dei campanilismi.
Non è l’ora del protagonismo.
Contribuiamo tutti ad essere più responsabili e facciamo in modo che non riceva più messaggi da un infermiere in trincea che mi scrive:”Noi lavoriamo pregando”.
Con affetto.
Pietro Miraldi
cittadino di questa bellissima Campania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *