EMERGENZA CORONAVIRUS, dov’è la Sanità Privata?

Il Segretario Territoriale della Nursid Biagio Tomasco scrive ai vertici Regionali


Esimio Commissario Straordinario AO Privata. Egregio Governatore,
la scrivente OS ha avuto modo di apprezzare la Sua diretta streaming nella quale declinava il piano di emergenza che la Regione Campania ha messo in essere per fronteggiare l’emergenza di COVID – 2019, che ad ogni buon conto si reputa efficace nella forma e nella sostanza e si condivide.
Corre però l’obbligo rimarcare, che in detto piano emergenziale non sia stata minimamente preso in considerazione l’apporto che la sanità privata accreditata possa e debba mettere in campo in virtù di molteplici considerazioni.
La prima, in ordine assoluto, è che avendo la stessa per anni avuto accesso a fondi pubblici per poter tranquillamente operare e crescere nel panorama regionale e provinciale, ora, in un momento di emergenza come quello che stiamo vivendo, debba mettere a disposizioni uomini, mezzi e risorse per fronteggiare il picco che è prossimo ad arrivare.
Difatti, è fuor di dubbio che a seguito della circolare edita dal Direttore Generale per la Tutela della Salute, avv. Postiglione, n. 0159680 del 12/03/2020, venendo a contrarsi l’operatività di dette strutture accreditate, si possano tranquillamente utilizzare le sale operatorie, i ventilatori respiratori e gli anestesisti rianimatori, finanche in pensione che operino in dette strutture, per far fronte alle esigenze che sicuramente si presenteranno.
Siamo certi che dopo anni di collaborazione pubblico – privato, con relativo assorbimento di risorse pubbliche, nessuno si tirerà indietro sul fronte di una guerra, perché di guerra trattasi, che solo uniti potremo vincere.
Diversamente … Cordiali saluti,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *