«Agropoli non è zona rossa»: il sindaco Coppola smentisce ennesima fake news


La città di Agropoli non è “zona rossa”. Si smentiscono pertanto le voci che stanno circolando in queste ore in merito alla presunta collocazione della città quale zona focolaio. Restano fermi a due i casi confermati di coronavirus e si è in attesa del prelievo dei tamponi presso altri soggetti nella mattinata odierna, per essere condotti per le analisi del caso all’ospedale “Cotugno” di Napoli. I risultati saranno presumibilmente resi noti nella serata di oggi. «Smentiamo categoricamente – afferma il sindaco Adamo Coppola – voci false che descrivono la nostra città quale zona rossa, relativamente al coronavirus. Ancora una volta si mettono in giro fake news che vanno a destabilizzare una situazione già di per sé difficile, specie per le attività commerciali e ricettive. Non c’è stata alcuna chiusura di negozi o altre azioni restrittive, se non quelle espressamente collegate al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 marzo 2020, che riguarda tutta Italia». Ed onde evitare che vengano alimentate altre bufale, avverte: «a breve ci saranno le ambulanze in città con i sanitari, che indosseranno apposito vestiario del caso, per prelevare i nuovi tamponi che fanno riferimento alla ricostruzione della rete di contatti della ragazza risultata positiva. Vi aggiorneremo non appena avremo riscontro dei risultati. Chiedo – conclude – in questo particolare momento, collaborazione, ognuno per la propria parte al fine di evitare allarmismi inutili e di diffondere notizie che non siano confortate da dichiarazioni di fonti ufficiali. Per coloro che divulgano false notizie, scatterà d’ufficio, la denuncia per procurato allarme».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *