Coronavirus, caso della biologa di Montano, stoccata dell’ordine a De Luca

Non manca una stoccata al governatore che ha accusato i primi pazienti di «irresponsabilità». Tra i positivi, c’è un tecnico di laboratorio biomedico residente a Montano Antilia, nel Cilento: il suo Ordine professionale, da Napoli, Avellino, Benevento e Caserta, dopo Cremona (dove la biologa lavora), sottolinea «l’inopportunità e irritualità» delle frasi utilizzate da De Luca. Ci sono poi due specialisti ambulatoriali in auto-quarantena, che si aggiungono a oltre 40 colleghi ospedalieri in isolamento. «È alto il rischio di contagio: quasi tutti i nostri studi sono collocati in vecchi palazzi e non hanno quelle caratteristiche igienico-sanitarie che servirebbero a ridurre i problemi legati alla diffusione del Covid19. Non c’è un’adeguata areazione: se dovesse venire un paziente contagiato, l’esito sarebbe scontato», afferma Gabriele Peperoni, vicepresidente del Sumai Assoprof che, definisce «la situazione disperata: : si sta giocando con il fuoco». Di più: «Siamo su una bomba a orologeria». Il professionista lancia un Sos alle Asl: «Non abbiamo nemmeno mascherine e gel disinfettante per le mani».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *