Droga a minori, i nomi degli arrestati

Vendevano droga a ragazzi minorenni. Lo spaccio in un circolo ricreativo dove i ragazzi si ritrovavano prima di entrare a scuola. L’illecita attività avveniva infatti nei pressi di un istituto scolastico di Vallo Scalo. Nei guai sono finite sei persone.

Per gli spacciatori si sono aperte le porte del carcere di Vallo della Lucania. Per altri due è scattato l’obbligo di dimora. I Carabinieri della locale Compagnia agli ordini del capitano Annarita D’Ambrosio hanno dato in esecuzione di ordinanza applicativa di misure cautelari personali emessa dal Tribunale Ordinario di Vallo della Lucania – hanno tratto in arresto i quattro soggetti, tre italiani e uno di origine marocchina e tutti residenti nel Cilento, per i quali, considerata la loro pericolosità sociale, questa mattina si sono aperte le porte del carcere.

Le manette sono scattate per Manuel De Pascale di Castelnuovo Cilento, Zaidi Hamza, marocchino residente a Castelnuovo, Daniele Tomasco residente a Casal Velino, Simone di Arienzo di Omignano. Misura cautelare anche per una donna, CD le sue iniziali, di Agropoli domiciliata a Capaccio.

Per altri soggetti, Campitiello Roi Lucio di Castelnuovo ed altri due marocchini è invece scattata la misura dell’obbligo di dimora nei comuni di residenza.

Un duro colpo al fenomeno dello spaccio nel Cilento. Le indagini sono aste avviate circa due anni fa con l’allora Capitano della compagnia di Vallo Mennato Malgieri.

L’operazione rappresenta una ventata di rassicurazione alla popolazione se si considera che, nel corso dell”attività di indagine, durata diversi mesi, sono stati effettuati oltre trenta riscontri che hanno portato al sequestro di circa duemila euro in contanti e circa 7 Kg di differenti sostanze stupefacenti (hashish, cocaina, marijuana) i cui acquirenti, in diverse circostanze rilevate dalla polizia giudiziaria, erano minorenni.

Nel corso delle operazioni, coordinate dalla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania, sono state rinvenute e sequestrate ulteriori sostanze stupefacenti e materiale per il confezionamento. Le indagini sono partite un paio di anni fa. Il circolo nel frattempo è stato chiuso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *