Il calvario di Daniele, a 14 anni un infarto: la famiglia chiede sostegno

Daniele: è un nome come tanti, potrebbe essere mio figlio, tuo figlio… chiunque. La sua è una di quelle storie che si confondono nella pioggia di sentimenti di chi sa cosa vuol dire provare il terrore di non rivedere più un proprio caro. E’ la storia di chi si sente impotente dinanzi agli imprevisti del destino, dinanzi a cui possiamo inchinarci, rassegnati, oppure provare ad arginare i suoi colpi, esattamente come da due anni sta facendo la famiglia di questo giovane cilentano. Alfonso Speranza, fautore dell’associazione intitolata al proprio figlio, che ha reso un dolore atroce una generosa missione, si è reso promotore di una campagna di sensibilizzazione al fine di ottenere donazioni per la vita di un giovane che ha ancora molti anni davanti a sé e merita di viverli tutti, ogni singolo istante.
Il fatto e’ accaduto due anni fa, il ragazzo di 14 anni mentre giocava ha avuto un arresto cardiaco, un infermiere ha praticato le manovre di rcp dopo circa un quarto d’ora. Ovviamente, anche se il cuore ha ripreso a funzionare il cervello ha avuto danni irreversibili.


Il 4 dicembre molti artisti si stringeranno attorno alla famiglia di Daniele e da Policastro la loro voce cercherà di toccare le corde generose del cuore dei cilentani, che già in altre occasioni, come quella del ben noto Chicco, ha dimostrato di possedere battiti profondi, caldi e generosi.
Con questa serata di raccolta fondi si vuole aiutare la famiglia, che per le condizioni economiche precarie non puo’ continuamente soggiornare a Parma, dove il ragazzo attende le sue cure. Si puo’ donare sul c.c. bancario dell’associazione Carmine Speranza di Torre Orsaia oppure sul c. c. postale 7372416 intestato all’associazione con causale ” per Daniele”.

Se è vero com’è vero che siamo solo di passaggio, spetta a noi scegliere quale impronta lasciare sulla polvere del mondo. Ricordiamoci che siamo solo di passaggio e che nella vita, per quel che si può, vale sempre la pena tendere la mano … Insieme si può.

Nello Amato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.