Giornata Internzazionale contro la violenza sulle donne: iniziativa a Vallo

È partita ieri 18 novembre 2019 la Campagna di sensibilizzazione a livello nazionale
“Unrossoallaviolenza” realizzata da WeWorld Onlus insieme a Lega Serie A, per dare un
“cartellino rosso” al fenomeno.
Il 25 novembre, Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, i calciatori e gli arbitri
scenderanno sui campi di calcio con un segno rosso sul viso nella 13a giornata di Campionato serie
A Tim.
In Italia quasi 7 milioni di donne hanno subito una violenza nel corso della vita. Se ne discuterà a
Vallo della Lucania nel corso del convegno organizzato dal Centro antiviolenza “Il Volo delle
Farfalle” del piano di Zona S/8 e dal Sindacato Fsi-Usae presso l’Aula Consiliare del Comune.
Ricco il parterre degli interventi istituzionali in programma, dal Sindaco di Vallo della Lucania
padrone di casa dr. Antonio Aloia al Consigliere della Regione Campania Avv. Maria Ricchiuti, dal
Presidente del Tribunale di Vallo della Lucania dr. Gaetano De Luca al Procuratore Capo presso il
Tribunale Ordinario di Vallo della Lucania dr. Antonio Ricci, dal Comandante della Compagnia
Carabinieri di Vallo della Lucania Capitano Annarita D’Ambrosio alla dr.ssa Maria Gabriella De
Silvio Presidente del comitato Unico di Garanzia dell’Asl di Salerno, dal Presidente dell’Ordine
degli Avvocati di Vallo della Lucania avv. Domenico Lentini all’Assessore delle pari opportunità
del Comune di Vallo della Lucania dr.ssa Genny De Cesare, ed infine dal Coordinatore ad Interim
del Piano di Zona S/8 dr.ssa Anna Caruso all’avv. Antonella Palladino Legale del Centro
Antiviolenza “Il Volo delle Farfalle” del piano di Zona S/8.
Coordinatrice dei lavori nonché Coordinatrice del Centro Antiviolenza “Il Volo delle Farfalle” del
piano di Zona S/8 dr.ssa Monia Monzo che concluderà il convegno.
La Segreteria Sindacale Fsi-Usae, da sempre vicina ai problemi delle lavoratrici e dei lavoratori,
naturalmente è attenta al problema della Violenza contro le donne che rappresenta un problema di
salute di proporzioni globali enormi.
L’abuso fisico e sessuale è un problema sanitario che colpisce oltre il 35% delle donne in tutto il
mondo e, cosa ben più grave, è che ad infliggere la violenza sia nel 30% dei casi un partner intimo.
Solo parlandone in particolar modo anche con i giovani è possibile tentare di arginare questo
fenomeno purtroppo in crescita.
Bene dunque i mass media quando affrontano questi argomenti, i centri antiviolenza dove le
donne si rivolgono sempre con maggiore fiducia, i luoghi che offrono una psicoterapia sociale:
perché già arrivarci, da soli o in coppia, è una grande conquista. Ma anche gli amici, la scuola i
colleghi di lavoro possono fare molto, facendo sentire a chi riceve violenza che non è solo.

Comunicato Stampa – Ludovico D’Alessandro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *