Picchiano la compagna disabile e poi la umiliano sui social. Cyberbullismo nel Cilento

Picchiata in testa, derisa ed umiliata sui social. Vittima una ragazzina diversamente abile. L’ennesima storia di bullismo, anzi di cyberbullismo, arriva dall’istituto alberghiero Ancel Keys di Vallo Scalo. Rebecca, la chiameremo così per tutelare la sua identità, ha 14 anni. Sin dalla nascita soffre di un  ritardo. È diversamente abile. Come tutti i suoi coetanei si è iscritta al primo anno di scuole superiori. I genitori hanno scelto l’istituto alberghiero che porta il nome del padre della Dieta mediterranea. La mamma di Rebecca ha affidato sua figlia alla scuola perché come tutti i ragazzi ha diritto a proseguire il suo percorso di studi. La donna non avrebbe mai immaginato di dover vedere invece sua figlia schiaffeggiata e derisa da alcuni suoi compagni di classe. La scena è stata ripresa con un cellulare da uno dei bulli, tutti compagni di classe e coetanei di Rebecca. Il video realizzato è stato  postato su tutti i social. I bulli hanno voluto condividere la loro azione con decine, centinaia, migliaia di altri ragazzi. È stata una coetanea di Rebecca iscritta nella stessa scuola a far vedere  per prima il video alla mamma. La ragazza  indignata dall’azione dei compagnai non ha esitato ad infornare i genitori. Nel video è ripresa tutta la scena Rebecca é seduta tra i banchi. Dinanzi e di fronte a lei un gruppetto di ragazzi che ridono. Ad un certo punto uno si avvicina alla ragazza per schiaffeggiarla. Nel  video è ben visibile che Rebecca cerca di difendersi dai compagni “cattivi”. Dopo il primo schiaffo ricevuto in testa, la ragazza alza  le mani in segno di difesa, poi arriva la seconda sberla e i compagni iniziano a ridere. Una scena in cui la ragazza viene derisa ed umiliata. Non appena il video è arrivato all’attenzione dei genitori, la mamma,  come prima reazione è andata a scuola, si è rivolta alla dirigente scolastica, ha chiesto spiegazioni. Amareggiata ed arrabbiata voleva sapere perché tanto cattiveria nei confronti di sua figlia, e soprattutto come è stato possibile consentire ai ragazzi di trattare così la 14enne.  La donna ha atteso per qualche giorno una risposta e soprattutto un’azione forte da parte della dirigenza dell’istituto nel confronti dei ragazzi coinvolti. Ha detto che avrebbe  aspettato fino a lunedì. Nulla è accaduto così ieri mattina  si è decisa a presentare formale denuncia ai carabinieri della compagnia di Vallo della Lucania diretti dal capitano Annarita D’Ambrosio. La donna ha messo tutto nero su bianco, spiegando ai carabinieri che cosa  è accaduto a sua figlia mentre si trovava in classe nell’Istituto Alberghiero Ancel Keys. Sarebbero stati quattro in tutto i ragazzi coinvolti nell’atto di bullismo tra di loro forse anche chi lo ha postato sui social. Per loro forse ieri è arrivato qualche giorno di sospensione. Il video dopo l’intervento della mamma  è stato subito rimosso ma la vicenda nei corridoi dell’istituto e tra i ragazzi ormai è  di domino pubblico . La ragazza vive in un paesino nei pressi di Vallo Scalo, la famiglia è conosciuta da tutti. Brave persone, onesti lavoratori che con sacrifici stanno crescendo Rebecca e il fratello. La brutta storia è arrivata anche all’attenzione della comunità locale in cui vive la famiglia di Rebecca. Il prete del paese ne avrebbe parlato durante l’omelia della messa di domenica scorsa “un caso di cyberbullismo – avrebbe detto – su cui tutti dobbiamo riflettere “.  La mamma ha chiesto l’intervento della scuola ed ha presentato denuncia ai carabinieri perchè il gesto dei compagni di classe non può e non deve passare inosservato. “E stato mortificante – dice la donna – vedere mia figlia picchiata, derisa e messa alla gogna su tutti social, quando mi hanno fatto vedere il video non ho potuto trattenere le lacrime”. Gli episodi di bullismo e di cyberbullismo purtroppo sono sempre piu frequenti. La cattiveria o la superficialità di alcuni ragazzi purtroppo si scaglia contro  alle persone più indifese e bisognose di attenzione. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *