“L’orgoglio novese ritorna a casa”: il Polittico di Criscuolo da Matera a Novi Velia

Il Polittico di Giovanni Criscuolo, che da lustri corona l’altare della chiesa – madre di Novi Velia è di nuovo a casa. L’opera è stata, infatti, esposta a Matera per diversi mesi, esattamente da aprile, in occasione della città capitale europea della cultura. Grande è stata l’emozione dei fedeli e dei residenti, i quali, perlopiù affermato sui social: “Spesso tendiamo troppo a ignorare le cose che abbiamo, abituati a vederle ogni giorno”. E in effetti assuefarsi l’abitudine diffonde proprio l’inconsapevolezza. Il paese della musica popolare, tuttavia, con orgoglio ha accolto l’insieme di opere di Giovanni Criscuolo. Novi Velia è uno scrigno di perle, di luoghi meravigliosi e storici, che rievocano la presenza dei Longobardi, della sede episcopale, dei greci bizantini, dei Celestini, delle lotte intestine fra i nobili, dei briganti e soprattutto della fierezza che da sempre contraddistingue la popolazione.
Il polittico del Criscuolo, risalente al 1540, si trova sull’altare maggiore della Chiesa di Santa Maria dei Longobardi. Esso è composto da nove tavole: l’Eterno Padre, Santa Lucia, La Madonna con Bambino, la Maddalena, il San Giovanni Battista, l’Adorazione dei Magi, il San Marco e gli Angeli oranti.
Nato nel 1495 a Gaeta, Giovan Filippo Criscuolo studiò alla scuola di Andrea da Salerno e presso Perino del Vaga a Roma. Iniziò la sua carriera di pittore nel 1529, aiutando Andrea da Salerno nella realizzazione di opere per il monastero di Montecassino. Poco dopo il suo maestro muore e Criscuolo diventa il pittore di riferimento nella natia Gaeta. Per contrasti col padre lasciò Gaeta e arrivò a Roma, alla scuola di Perino del Vaga. Venne influenzato dai capolavori di Raffaello Sanzio. Morì intorno al 1584. Le opere di Giovanni Filippo Criscuolo sono esposte in varie Chiese di Napoli, ma anche nel Duomo di Ravello e al museo di Capodimonte.
Nello A

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *