VIDEO. Festival dell’Essere non accessibile ai diversamente abili. È mortificante, la denuncia a Sgarbi di Rosaria Duraccio

Si apre con una polemica il Festival dell’Essere che ha visto ieri presso la Fondazione Alario, ad Ascea, andare in scena la prima delle quattro tappe. Accessi bloccati, sia all’esterno che all’interno della struttura, per i diversamente abili. Da qui, la denuncia della signora Rosaria Duraccio Vice presidente ENIL Italia, membro dell’OND (Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità) è rimasta fuori , non è riuscita ad entrare nel teatro . Denuncia la poca attenzione verso i diversamente abili da parte della Regione Campania, che ha organizzato, la Fondazione Alario, che ha ospitato, e al direttore artistico Vittorio Sgarbi. “Io sono rimasta fuori – dice Rosaria – non è giusto. Come tutti avevo il diritto di entrare ed assistere allo spettacolo”.

Ieri sera ad Ascea si è svolto il primo appuntamento del Festival progettato da Sabrina Colle e diretto da Vittorio Sgarbi, prodotto da Angelo Tumminelli, finanziato dalla Regione Campania e realizzato in collaborazione con la SCABEC. Sul palco del teatro Parmenide della Fondazione Alario ad Ascea uno spettacolo /talk show condotto da Greta Mauro con l’Orchestra di Piazza Vittorio a fare da colonna sonora. Al centro della scena Vittorio Sgarbi che tra monologhi e confronti ci porta in un viaggio filosofico nell’essere e non essere, con straordinari ‘compagni di viaggio’. Insieme a lui Marcello Veneziani, Gerard Depardieu, Ornella Muti e Domenico De Masi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *