Video. Recuperato il corpo di Simon. Forse morto per emorragia

 

E’ stato recuperato poco dopo le 11 di stamani, il corpo di Simon Gautier, il giovane escursionista francese di 27 anni trovato morto ieri sera, intorno alle 19:30, dopo 9 giorni di ricerche in un dirupo profondo circa 200 metri del Belvedere di Ciolandrea, nel territorio di San Giovanni a Piro.

La salma é giunta nel porto di Policastro a bordo di un gommone della Capitaneria di Porto. E’ stata poi trasferita, con un carro funebre, all’ospedale di Sapri per essere messa a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Il giovane, caduto in un dirupo impervio, è stato ritrovato rivolto con il viso sul pavimento roccioso, lontano dal suo zaino e dal cellulare. Secondo una prima ricostruzione degli avvenimenti fatta dagli speleologi sembrerebbe che Simon sia caduto per due volteprobabilmente nel tentativo di rialarsi. A recuperare l’escursionista sono stati gli uomini del Soccorso Alpino, che dopo essersi legati con delle funi si sono avvicinati al corpo e l’hanno imbracato e trasportato via terra lungo il burrone fino alla spiaggia sottostante.

Sul corpo verrà eseguita l’autopsia da parte del medico legale Adamo Maiese, ma già da un primo esame esterno si è compreso qualcosa in più sul decesso. Simon Gautier potrebbe essere caduto due volte, la seconda, forse, nel tentativo di risalire dal dirupo. Scivolando giù per diversi metri tra le rocce si è fratturato entrambe le gambe, una delle due era in una posizione del tutto anomala. I duri colpi causati dalla caduta, inoltre, potrebbero avergli provocato un’emorragia interna che ha determinato il decesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *