Gatto barbaramente ucciso nel Cilento: trovato con un laccio stretto legato al collo.

Macabra scoperta ieri pomeriggio, in via Roma a Cicerale, nel Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Un gatto morto di colore nero, di grandi dimensioni, è stato trovato con il collo legato ad una corda in pvc, utilizzata per eseguire legature ad alberi e vigneti, lunga circa due metri, a margine della carreggiata sx, della strada proviciale SP 83, che collega Ogliastro C. con Cicerale.

A fare la macabra scoperta un ragazzo che si trovava di passaggio, mentre è ancora da ricostruire con esattezza la dinamica di quanto accaduto. Sembra quasi certo che l’animale sia stato ucciso nella tarda mattinata di ieri, ma restano da capire il modo e gli autori di questa efferata e gratuita violenza, contro un innocente gatto di strada.

L’ipotesi più probabile è che l’animale sia stato seviziato e ucciso barbaramente.

Il gatto era privo di targhetta identificativa e ciò fa pensare che fosse un randagio.

Al momento i carabinieri non sono stati ancora informati del fatto e, conseguente non hanno dato il via alle ricerche per identificare gli autori del gesto.

Il corpo intanto, dopo molte ore, è stato rimosso da ignoti, dal luogo nel quale era stato trovato, nella giornata di ieri, con la corda stretta al collo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *