Il Sacro Monte riapre, la strada resta chiusa. I fedeli si organizzano in pellegrinaggio

Il passaggio dei mezzi sarà consentito solo ai per i soccorsi quindi alle ambulanze e all’auto che dovrà accompagnare il Vescovo Ciro Miniero. Poi tutti a piedi. Resta chiusa la strada per il Santuario. Anche dopo l’intervento degli operai della comunità montana Gelbison e Cervati la strada non è ritenuta in sicurezza. Ieri mattina  è stato effettuato anche un sopralluogo dai tecnici del genio civile per verificare l’entità dell’emergenza e quantificare l’eventuale investimento  che sarà necessario per i lavori.

Dal comune di Novi Velia quindi non è arrivato l’ok per la riapertura.

È  stato ripulito un vecchio tracciato percorribile però solo a piedi. I fedeli non si scoraggiano , sono pronti a raggiungere a piedi  la vetta del Gelbison dove da oltre cento anni sorge il Santuario Mariano.

Il rettore don Carmine Troccoli in queste ore è sul Monte per preparare la ripapertura. I fedeli di Novi si  stanno organizzando per un pellegrinaggio . L’appuntamento è per le 5.30 dalla  Chiesa di Novi per poi raggiungere Fiume Freddo e salire sul Santuario. Nonostante le difficoltà la Chiesa riaprirà. Anche questa  mattina alcuni turisti hanno intrapreso il cammino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *