VIDEO. Novi Velia rivolta per il Sacro Monte. Don Carmine poco generoso!

Sindaco e amministrazione cercano dialogo per consentire la riapertura della strada per il Monte Gelbison. I tempi stringono. Il 26 maggio, infatti, è prevista l’apertura del santuario, rito che si ripeterà – stando così le cose – ma sarà necessario raggiungerlo a piedi con le dovute cautele.

Sabato sera nell’aula consiliare si è tenuta una riunione per discutere della questione. Alla Comunità Montana Gelbison e Cervati è stato affidato il compito di ripulire l’arteria, poi spetterà ai tecnici esprimersi sulla possibilità di riaprirla. Insomma se la strada è sicura potrà essere transitabile, in caso contrario resterà chiusa. In quest’ultima ipotesi si potrebbe anche utilizzare il vecchio percorso, un sentiero già risistemato, ma comunque non accessibile a chiunque.

Tra i cittadini e i fedeli c’è preoccupazione. L’ipotesi di non riaprire il Santuario sembra scongiurata ma le limitazioni rischiano comunque di impedire a molti di partecipare alle celebrazioni. Il sindaco di Novi Velia, Adriano De Vita, ha però chiarito: la sicurezza prima di tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare le caratteristiche del sito e la tua esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o se non desideri accettare i cookie quando utilizzi questo sito web, visita la nostra pagina  Informativa globale sull’utilizzo dei cookie e tecnologie simili.